Quando ha inizio la scelta tra il Bene e il Male

Quando ha inizio la scelta tra il Bene e il Male

Quando ha inizio la scelta tra bene e male? Spesso accade che si tratta come se fosse bene, qualcosa che bene non è: c’è una certa confusione, sopratutto, nell’identificare il punto di partenza del male.

Il male non è laggiù, in fondo, dove ci sono il brutto e il cattivo; è qui, comincia esattamente qui dove sono io, dove sei tu, nello stesso punto in cui inizia il bene.

Qui si dividono e partono per direzioni diametralmente opposte, uno da una parte e l’altro dall’altra.

Lo Start è, però, lo stesso per entrambi, ed è sempre presente, per ognuno di noi: in ogni momento scegliamo l’uno o l’altro, e, spesso, senza che ce ne rendiamo conto.

Ma, allora, cosa sono il bene e il male?

Non certo quelli di cui parla la cronaca e che arrivano in TV; quelli sono il bene e il male laggiù, lontani, quelli che, apparentemente, nulla hanno a che vedere con noi, qui e adesso.

Quelli di cui sto parlando, invece, sono il bene e il male “qui e adesso”, presenti in ogni nostra scelta, e che costruiscono, passo dopo passo, la nostra vita e il nostro destino.

Il Male è:

  • scegliere di non pensare;
  • evitare di assumersi le proprie responsabilità, cercando sempre capri espiatori per ogni cosa;
  • demandare ad altri la propria salute e il proprio benessere;
  • rifiutarsi di approfondire e di cercare i significati di ciò che ci accade;
  • rifiutare di capire che gli altri esistono e il proprio bene è associato a quello altrui;
  • prendere sempre la via più facile;
  • evitare di fare “la fatica”, che comporta impegnarsi nella propria vita, ma accettando di fare la fatica inevitabile che si fa evitando l’impegno;
  • accettare di vivere sotto l’egida della paura, e far sì che sia sempre lei a scegliere per noi.

Il bene è:

  • riflettere sulle cose;
  • volersi conoscere;
  • voler sapere qual’è il significato e il valore di ogni cosa che ci accade;
  • assumersi sempre la propria parte di responsabilità, in ogni situazione;
  • saper scegliere la via più complessa;
  • tenere sempre a mente che gli altri esistono, e il proprio bene è legato a quello altrui;
  • avere attenzione e rispetto per sé stessi e per la propria salute fisica e psichica (o emotiva);
  • non lasciare le redini della propria vita in mano alla paura, ma accettare di fare entrare l’amore per sé stessi nella propria vita, che è la grande difesa che abbiamo a nostra disposizione per vincere. L’arte di amare sé stessi: nuove e vecchie frontiere

Entrambe queste liste possono essere arricchite di nuovi elementi, ma la cosa fondamentale da capire è che il bene e il male sono sempre presenti, ad ogni passo, così come la nostra possibilità di scegliere, e ad ogni scelta, decidiamo per la nostra vita e quella altrui.

E questo è vero anche se non piace l’idea.

“La chiosa del Maestro”

Ecco le parole dal Maestro Yoda, semplici, chiare e senza tempo:

“Arduo da vedere il Lato Oscuro è. La paura  è la via per il Lato Oscuro. La paura conduce all’ira, l’ira all’odio; l’odio conduce alla sofferenza. Ingannarvi gli occhi, possono. Nella Forza, molto diverso ognuno di voi è. Il lato oscuro è più forte? No! No! No!…più rapido…più facile…più seducente”.

Yoda è un personaggio inventato, ma le sue parole sono umane.

Quando iniziano il Bene e il Male

La confusione nasce tra il bene e il male qui e adesso e quelli lontano, altrove e in un altro momento, come se tra i due non ci fosse alcun legame.

Ogni scelta che si fa è una scelta tra bene e male, e il cambiamento di ognuno è rilevante per il cambiamento di tutti.

Hai mai notato com’è contagiosa una persone che sprigiona serenità e sicurezza in sé stessa? Ti senti bene con lei, la vuoi come amica, ne cerchi la vicinanza, perché, in qualche modo, ti fa stare meglio.

Quando si sceglie il male, si spigiona una certa energia, sia interiormente che al di fuori di sé, e questo cambia, anche se impercettibilmente, le cose, e lo fa ad ogni scelta che si compie, e questa energia genera degli effetti.

Influenza lo stato d’animo, la forza interiore, la stessa energia di cui si può disporre, che ha un calo, e si avverte più facilmente la stanchezza.

La scelta del “male qui e adesso”, allontana dalla propria integrazione corporea, separa la mente dal corpo, dalle emozioni e dall’Anima, e, quindi, dalle risposte più utili per il proprio benessere.

Produce malessere che spesso viene proiettato sugli altri, e porta a una coazione a ripetere nel continuare a scegliere il male: così le singole scelte si sommano e sorgono i diversi disagi, individuali, relazionali e sociali, ai quali assistiamo quotidianamente.

Quando si pensa di non essere responsabili dei mali del mondo, non si comprende che fare qui e adesso la scelta migliore, fa scattare reazioni a catena che, nel tempo, sono in grado di generare cambiamenti positivi.

 

Per qualunque cosa, puoi trovarmi qui, scrivimi pure!

Se vuoi Prenota una sessione Skype gratuita potremo conoscerci e, senza impegno, valutare la soluzione migliore per te.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *