E’ giustificato usare i Tarocchi in Psicologia?

E’ giustificato usare i Tarocchi in Psicologia?

E’ giustificato e sensato usare i Tarocchi, e altre tecniche “divinatorie” in Psicologia? Che nesso c’è tra queste discipline?

Ci si può chiedere se sia serio parlare di Tarocchi o di altri metodi conosciuti tradizionalmente come divinatori, in ambito psicologico, credo che sia legittimo.

Nemmeno io ci avevo mai pensato, prima, ma un giorno, mi venne una curiosità, e tentai l’associazione.

Ero alla ricerca di metodi che potessero “velocizzare” e rendere più “popolare” la psicoterapia, e nello stesso tempo, che la facessero sentire meno “lontana”.

Forse era un azzardo, ma mi vennero in mente i Tarocchi, perché sapevo che molte persone preferivano rivolgersi a cartomanti per risolvere i loro problemi, piuttosto che andare dallo psicologo.

Come scoprii il nesso tra Tarocchi e Psicologia

Quando provai a sperimentare, la cosa si rivelò, però, quanto mai curiosa e interessante, per le strette analogie che ritrovavo tra quanto emergeva durante la seduta,  e il responso ottenuto interpretando la letture degli Arcani, che avevo effettuato prima della seduta.

Facevo questa lettura prima dell’incontro e a insaputa dei clienti perché non volevo influenzarli né deconcentrarli dalla seduta stessa.

Se gliene avessi parlato, oltre a invalidare le eventuali conferme, le persone in questione mi avrebbero sicuramente pregato per sapere cosa era venuto fuori, e avremmo perso tempo importante per la loro terapia.

Così li informavo solo a seduta terminata.

Gli approfondimenti successivi

Studiando meglio, scoprii che anche C.G.Jung aveva avuto un’idea simile alla mia, approfondendo la sua conoscenza dei Tarocchi, dell’Astrologia e dell’I Ching.

Ho letto che amava metterli in rapporto tra loro, confrontando i “risultati” ricavati da ognuno di tali strumenti.

Egli constatò che ognuno dei tre metodi divinatori dava risposte analoghe se venivano consultati nello stesso periodo.

Naturalmente, nemmeno Jung li usava come metodi divinatori, ma come metodi per indagare l’Inconscio.

Il mio modo di usare i Tarocchi

Questa scoperta, mi fece sentire supportata nell’uso della tecnica, così continuai la mia sperimentazione e lo studio questi metodi.

Introdussi questo metodo anche nelle sedute con alcune mie “pazienti”,  e anche in queste occasioni, si rivelarono molto utili, a volte sorprendenti per alcuni aspetti che riuscivano a far emergere, e per alcune indicazioni che potevano fornire.

Non credo affatto che si possano sostituire la Psicologia e la Psicoterapia con i Tarocchi, l’Astrologia o l’I Ching.

Conoscendo entrambe le materie, mi sento solida nel fare questa affermazione, perché so esattamente che cosa sono in grado di dare e cosa manca ad entrambe le discipline, e so che la Psicologia è estremamente più raffinata, puntuale ed elaborata.

Ma, se usati con intelligenza, sono metodi in grado di fornire indicazioni su che tipo di energia si sta muovendo in un determinato periodo, e possono portare alla luce anche alcuni contenuti profondi, grazie alla loro simbologia.

L’Inconscio opera e reagisce meglio in presenza di immagini e simboli, piuttosto che di parole.

Tutte le volte che compongo una “stesa”, mi stupisco sempre delle risposte che le carte mi danno.

Ho notato, però, che non rispondono, o non soltanto, alla domanda che fai con la mente, ma a ciò che porti dentro, in profondità: come se potessero “ascoltare” il tuo vero bisogno, e a quello che esprimi a voce e con la mente coscente.

Se ti serve qualcosa scrivimi nei commenti e ti risponderò quanto prima!

Puoi prenotare una Skype gratuita e senza impegno, nella quale ci conosceremo e valuteremo insieme la soluzione migliore per te! Vai qui: Prenota una sessione Skype gratuita

2 risposte

  1. Daniela ha detto:

    E’ molto interessante questo nuovo modo di usare i tarocchi, infatti il tarocco diventa un tramite con l’inconscio che permette di far emergere allo scoperto come una persona è veramente, oltre a farle capire quanta energia ha a disposizione per migliorare se stessa, sempre che lo voglia davvero, provare per credere.

    • Cristiana ha detto:

      Grazie per il tuo commento. Effettivamente, mi trovo molto d’accordo con quello che dici, e vorrei aggiungere che l’atmosfera che si crea è molto conciliante in questo processo. Ciao e grazie ancora!

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *